Check out what’s new from Firebase at Google I/O 2022. Learn more

Importa segmenti

Firebase fornisce strumenti per personalizzare l'esperienza di un utente rivolgendosi a gruppi di utenti tramite servizi Firebase come Remote Config , Cloud Messaging e In-App Messaging . Utilizzando un account BigQuery collegato, puoi importare segmenti che potresti aver identificato al di fuori di Firebase per creare esperienze mirate con i servizi Firebase.

Imposta i segmenti importati

Puoi importare i dati per i tuoi segmenti in Firebase utilizzando Google Cloud BigQuery . BigQuery offre diversi modi per caricare i dati , sei libero di scegliere ciò che funziona meglio per la tua configurazione.

Flusso di dati dei segmenti importati

Una volta abilitata l'integrazione:

  • Firebase crea un set di dati in BigQuery di tua proprietà, ma Firebase ha accesso in lettura.
  • Firebase acquisisce periodicamente i dati, rendendo disponibili i segmenti aggiornati nella console di Firebase per il targeting.
  • Firebase ha solo accesso in lettura a questi dati. Firebase conserva una copia di questi dati nella sua memoria interna.
  • Tutti i dati eliminati dal set di dati BigQuery vengono eliminati anche dall'archivio dati di Firebase.

Abilita importazione BigQuery

  1. Vai alla pagina di integrazione di BigQuery nella console di Firebase.
  2. Se non hai configurato l'integrazione di BigQuery in precedenza, segui le istruzioni sullo schermo per abilitare BigQuery. Schermata Integrazioni nella console Firebase
  3. Abilita l'interruttore Segmenti importati . I segmenti importati passano allo stato inattivato

Quando abiliti l'importazione di segmenti da BigQuery:

  • Firebase crea automaticamente un nuovo set di dati BigQuery denominato firebase_imported_segments . Questo set di dati contiene tabelle vuote denominate SegmentMemberships e SegmentMetadata .
  • Il set di dati "firebase_imported_segments" può essere condiviso anche con un account del servizio Firebase con il dominio @gcp-sa-firebasesegmentation.iam.gserviceaccount.com .
  • Firebase esegue un processo almeno ogni 12 ore per leggere da questo set di dati e può importare più frequentemente di 12 ore.

Importa i dati in BigQuery

Puoi utilizzare qualsiasi meccanismo supportato per caricare i tuoi dati in BigQuery per popolare le tabelle SegmentMemberships e SegmentMetadata . I dati devono seguire lo schema descritto di seguito:

Membri di segmento

[
  {
    "name": "instance_id",
    "type": "STRING"
  },
  {
    "name": "segment_labels",
    "type": "STRING",
    "mode": "REPEATED"
  },
  {
    "name": "update_time",
    "type": "TIMESTAMP"
   }
]

instance_id : l' ID di installazione di Firebase per un'installazione di app specifica.

segment_labels : i segmenti in cui sono inclusi i dispositivi ( "instance_id" ). Questi non devono essere per forza umani e possono essere brevi per ridurre l'utilizzo dello spazio di archiviazione di BigQuery. Deve esserci una voce corrispondente nella tabella SegmentMetadata per ogni "segment_labels" utilizzato qui. Nota che questo è plurale, mentre la tabella SegmentMetadata ha "segment_label" .

update_time : attualmente non utilizzato da Firebase, ma può essere utilizzato per eliminare da BigQuery le appartenenze ai segmenti precedenti che non vengono più utilizzate.

Segmento metadati

[
   {
      "name": "segment_label",
      "type": "STRING"
   },
   {
      "name": "display_name",
      "type": "STRING"
   }
]

segment_label : identifica un particolare segmento. Deve esserci una voce in questa tabella per ogni segmento elencato nella tabella SegmentMemberships . Nota che questo è singolare, mentre la tabella SegmentMemberships ha "segment_labels" .

display_name : un nome leggibile e intuitivo per l'interfaccia utente per il segmento. Viene utilizzato per etichettare il tuo segmento nella console Firebase.

Configura la fatturazione per BigQuery

Se stai provando la nuova funzionalità per un'app con pochissime installazioni, potresti dover solo configurare la sandbox di BigQuery .

Tuttavia, se lo utilizzi per un'app di produzione con molti utenti, devi configurare la fatturazione per l'utilizzo di BigQuery per pagare lo spazio di archiviazione, nonché il meccanismo utilizzato per caricare i dati in BigQuery. Non ti verranno addebitate le letture avviate da Firebase.

Disattiva l'integrazione

Per disattivare questa integrazione, vai alla pagina di integrazione di BigQuery nella console Firebase e disattiva l'interruttore Segmenti personalizzati .

Usa segmenti importati

Una volta acquisiti, i dati saranno disponibili nella console Firebase per il targeting con servizi come Remote Config o In-App Messaging. Funziona proprio come il targeting con proprietà o segmenti di pubblico di Google Analytics.

Esempio di utilizzo di segmenti importati con il compositore di notifiche

Puoi utilizzare "Segmento/i importato/i" poiché uno degli attributi targetizzabili e i segmenti che hai importato saranno disponibili per la selezione. Includono anche una stima del numero di istanze dell'app che appartengono a ciascun segmento.

È inoltre disponibile una stima del numero di istanze che soddisfano tutti i criteri di targeting. Questo viene aggiornato man mano che apporti modifiche ai criteri di targeting.

Casi d'uso

Esistono diversi modi in cui puoi utilizzare i segmenti importati per creare esperienze utente mirate. Questa sezione delinea alcuni scenari comuni in cui potresti voler utilizzare questa funzione.

Invia notifiche a un gruppo di utenti

Immagina di avere un'app che consente acquisti in-app con un carrello. Potresti anche utilizzare soluzioni di analisi personalizzate o di terze parti (non fornite da Google Analytics) per raccogliere varie metriche associate al comportamento degli utenti nella tua app. Utilizzando queste metriche, puoi identificare un gruppo di utenti che hanno aggiunto articoli al carrello, ma non hanno completato il checkout.

Ora immagina di voler utilizzare Firebase Cloud Messaging per inviare una notifica a questi utenti per ricordare loro che hanno articoli nel carrello. Puoi creare un segmento chiamato "checkout incompleto" e includere questi utenti, identificati dal loro ID di installazione Firebase, e caricarlo su BigQuery per condividerlo con Firebase.

Una volta che Firebase ha importato questi dati, sono disponibili nel compositore di notifiche in cui puoi creare una nuova campagna di notifica mirata al "checkout incompleto" per inviare un messaggio che spinge gli utenti a completare il checkout.

Configura un'app per un sottoinsieme di utenti

Si supponga di utilizzare una soluzione di analisi interna che indica che alcuni utenti hanno problemi a navigare nell'app. Per aiutare quegli utenti, vuoi configurare il comportamento dell'app per questi utenti per includere un breve video tutorial.

Puoi incorporare Remote Config nella tua app e usare un parametro, chiamato qualcosa come "needs_help", nella tua app per mostrare condizionalmente il video tutorial.

Utilizzando i tuoi dati analitici, crea un segmento denominato "utenti con problemi" e includi gli utenti appropriati, identificati dall'ID di installazione di Firebase. Quindi carica questo segmento e i suoi membri su BigQuery per condividerli con Firebase.

Una volta che Firebase ha importato questi dati, questi vengono resi disponibili nella console di Remote Config come segmento targetizzabile. È quindi possibile creare una condizione destinata agli "utenti problematici" e impostare il parametro "needs_help" su true per questa condizione e false per impostazione predefinita. Una volta pubblicata questa configurazione, l'app mostra il video tutorial solo agli utenti nel segmento "utenti problematici".

Segui i percorsi degli utenti su tutti i dispositivi

Immagina di aver creato un'app per la recensione di ristoranti utilizzando Firebase e Google Analytics. Utilizzando le metriche raccolte, scopri che gli utenti accedono spesso all'app sia da un dispositivo mobile che da un tablet. Scopri anche che i tuoi utenti preferiscono scrivere recensioni sul tablet, mentre possono leggere le recensioni da qualsiasi dispositivo.

Alcuni utenti iniziano a scrivere una recensione sul proprio telefono e si arrendono, probabilmente a causa del fattore di forma più piccolo. Decidi di inviare una notifica a tali utenti sui loro tablet chiedendo loro di terminare le revisioni.

A tale scopo, puoi impostare un ID revisore generato internamente come ID utente utilizzando Google Analytics per gli utenti che hanno eseguito l'accesso e attivare un evento per identificare le recensioni annullate. Puoi quindi esportare i dati di Google Analytics della tua app in BigQuery.

Analizzando questi dati in BigQuery, puoi identificare l'ID di installazione Firebase dei tablet per gli utenti che non hanno finito di scrivere una recensione sul proprio telefono. Puoi nominare questo gruppo "tablet-di-utenti-che-hanno-cancellato-al-telefono" e caricare il segmento su BigQuery per condividere l'elenco dei membri con Firebase.

Una volta che Firebase ha importato questi dati, sono disponibili nel compositore di notifiche come segmento targetizzabile. Puoi quindi creare una nuova campagna di notifiche indirizzata ai "tablet-di-utenti-che-hanno-cancellato-sul-telefono" per inviare un messaggio spingendo questi utenti a completare la revisione sui loro tablet.